Stampa

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mazzo: 40 o 156 carte - Giocatori: 2 o più -

Come si gioca al Lanzichenecco? e alla Zecchinetta?

Ho riunito due giochi perchè sono identici e derivati l'uno dall'altro.

La Zecchinetta, il più recente, è sicuramente derivato dal più antico Lanzichenecco, il quale si pensa sia stato introdotto, in Italia attorno al XVI secolo, dagli omonimi Lanzichenecchi, truppe di soldati mercenari a servizio del Sacro Romano Impero.

Senza addentrarci troppo in quello che è la storia dell'Europa, possiamo affermare che questi due giuochi d'azzardo sono di una semplicità disarmante, e, al pari dello Stracciacamicia, sono completamente aleatori, tutto viene determinato dal caso.
L'unica differenza che vi è tre i due giuochi è il numero di carte impiegate.

Le carte:

Per giocare al Lanzichenecco sono necessari 3 mazzi di carte francesi da 32, quindi, senza Jolly e senza le carte dal Due al Sei.

Per giocare alla Zecchinetta è necessario un mazzo di 40 carte, qualsiasi di quelli regionali italiani è adatto, ma può andare bene anche un mazzo di 52 carte francesi da cui vengano preventivamente rimossi gli Otto, i Nove e i Dieci.

Scopo del gioco:

Essendo un gioco d'azzardo lo scopo è vincere la puntata indovinando la carta giusta.

Puntata:

Prima che le carte vengano "distribuite" (tra virgolette perchè come vedremo in seguito non vi è distribuzione alcuna), si procede con la fase di scommessa.
Il Banco (il mazziere) decide a suo piacere l'ammontare della puntata, e la ripone nel piatto.
Partendo poi dal giocatore alla sua destra, e procedendo in senso antiorario (o in senso orario, dipende dalle abitudini locali) chiede ai partecipanti quanto essi vogliano puntare, fino al raggiungimento della somma così scelta, ogni giocatore può decidere se puntare o meno, e in nessun caso la somma delle puntate dei giocatori può superare quella del Banco, se un giocatore punta tanto da raggiungere la somma prestabilita i giocatori seguenti non potranno farlo, per questa smazzata.
Per puntare, i giocatori devono riporre le fiches di fronte a se stessi, sul tavolo.

Distribuzione delle carte:

Una volta terminata la prima fase, si passa a quello che si potrebbe definire la distribuzione delle carte, il Banco rivolta una prima carta, la ripone alla sua sinistra dicendo "per me", e ne rivolta una seconda alla sua destra dicendo "per voi", le carte rimanenti costituiscono il tallone.

Se le due carte rivoltate sono uguali, in valore, il Banco vince subito, e ritira tutte le puntate dei giocatori.

Svolgimento del gioco:

Il banchiere comincia a ribaltare, una alla volta, tutte le carte rimanenti nel tallone, se estrae una carta uguale, in valore a quella riposta per se stesso, vince e ritira le puntate di tutti i giocatori.
Se invece estrae una carta uguale a quella riposta per i giocatori, vincono i giocatori, ritirano la puntata del Banco e la suddividono proporzionalmente alle loro stesse puntate.

In figura un esempio di partita, in questo caso il banco vince.

Cambio del Banco:

Quando il banchiere perde, toccherà al giocatore alla sua destra (o sinistra a seconda dell'ordine di gioco) fare le veci del Banco.
Se il banchiere vince, il ruolo rimarrà alla medesima persona.
Se il banchiere vince durante la distribuzione, ribaltando a destra e a sinistra due carte dello stesso valore, passerà il ruolo al giocatore successivo.

Categoria principale: Giochi
Categoria: Giochi d'azzardo
Visite: 8810

Questo sito web utilizza i cookie Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web. Per saperne di più visualizza la nostra privacy policy.

  Dichiaro di accettare i cookie da questo sito.