Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mazzo: 40 carte - Giocatori: da 2 a 4 -

Come si gioca al Cinquecento e alla Marianna?

Il Cinquecento e la Marianna sono due varianti dello stesso gioco. Si può giocare in due, tre o quattro persone, le regole sono piuttosto semplici e basate sul famoso giuoco della Briscola. La possibilità di effettuare le dichiarazioni permette ai giocatori di seguire diverse strategie.

Il Cinquecento è un gioco molto diffuso in Sicilia.

Le carte:

Per giocare al Cinquecento o alla Marianna è necessario un mazzo di 40 carte, qualsiasi di quelli regionali italiani è adatto, ma può andare bene anche un mazzo di 52 carte francesi da cui vengano preventivamente rimossi gli Otto, i Nove e i Dieci.

Scopo del gioco:

Lo scopo di entrambi i giochi è quello di ottenere più punti dell'avversario, mediante le prese e le dichiarazioni. Il giocatore che per primo raggiunge i 500 punti vince la partita.

Distribuzione delle carte:

Il ruolo del cartaio viene determinato a caso, mediante la regola del "bàs fà màs" per esempio, e nel corso delle smazzate i giocatori si alternano in questo ruolo, seguendo l'ordine di gioco.
Il cartaio distribuisce le carte in senso antiorario cinque carte a testa, le carte che avanzano costituiscono il tallone.

Svolgimento del gioco:

A questo punto inizia il gioco vero e proprio, il primo giocatore, a destra del cartaio, gioca una carta.
I suoi avversari, seguendo l'ordine di gioco, devono, a loro volta giocare una carta e cercare di superare quelle in tavola, si dice Strozzare. Colui che cala la carta con il maggior valore di presa ottiene tutte le carte giocate, e le mette in pila vicino a sè stesso.

L'ordine di presa nel Cinquecento e nella Marianna, dal più forte al più debole, è il seguente:
Asso, Tre, Re, Cavallo, Fante, Sette, Sei, Cinque, Quattro, Due.

In figura l'ordine di presa nel Cinquecento e nella Marianna, lo stesso della Briscola.

Dopo che tutti i giocatori hanno fatto la propria giocata, si passa alla fase di pescaggio. Per primo pesca, colui che si è aggiudicato la presa, poi gli altri seguendo l'ordine di gioco. Il giocatore che ha pescato per primo, sarà anche il primo a giocare.

Il gioco prosegue fino all'esaurimento del Tallone, dopodiché si fanno le ultime mani senza pescare fino ad aver giocato tutte le carte.

Dichiarazioni:

Durante la smazzata, quando il giocatore lo desidera può effettuare una dichiarazione, in gergo cantare, incassando subito 40 punti.
Per cantare è necessario possedere una Marianna, cioè la coppia Cavallo+Re dello stesso seme, da questo momento fino al termine della smazzata questo seme sarà detto di briscola.

Le carte del seme di briscola possono essere battute solo da altre carte di briscola, e vincono su tutte le carte di diverso seme.

In figura un esempio di giocata, il Cavallo strozza il Cinque di Coppe, il Tre strozza entrambe le altre Coppe, però è il Cinque di Denari ad aggiudicarsi la mano. E' stata infatti dichiarata una marianna di Denari.

Altre dichiarazioni:

La differenza tra i due giochi di Cinquecento e di Marianna sta nelle dichiarazioni cantate dopo la prima. Quando si gioca a Cinquecento, ogni dichiarazione oltre la prima fornisce solo 20 punti e non influisce sul gioco.

Quando si gioca a Marianna, ogni dichiarazione più punti della precedente, inoltre ogni volta che un giocatore dichiara marianna, l'atout, ossia il seme di briscola diventa quello della dichiarazione effettuata. Questo cambio di briscola influisce molto sulla strategia da seguire.

In figura sono elencate le dichiarazioni possibili nel Cinquecento e nella Marianna.

Conteggio dei punti:

In totale ci sono 120 punti che vengono suddivisi tra i giocatori in base alle prese durante il gioco. Al termine della smazzata ogni giocatore conta i punti che sono presenti nella pila delle carte da lui intascate.

Sono assegnati:

  • 11 punti per l'Asso
  • 10 punti per il Tre
  • 4 punti per il Re
  • 3 punti per il Cavallo
  • 2 punti per il Fante
  • Le altre carte non danno punti.

Inoltre sono assegnati dei punti per le dichiarazioni effettuate.

Regole del Cinquecento:
  • 40 punti per la prima dichiarazione;
  • 20 punti per le successive.
Regole della Marianna:
  • 40 punti per la prima marianna che viene dichiarata;
  • 60 punti per la seconda;
  • 80 punti per la terza;
  • 120 punti per la quarta;
  • 250 punti se viene dichiarato un "Mariannino" (quattro Cavalli e un Re)*;
  • 500 punti e la vittoria della partita se viene dichiarato un "Mariannone" (Quattro Re e un Cavallo).
* = dopo la dichiarazione del Mariannino, il seme di briscola sarà considerato quello del Re

Il giocatore o la coppia che per prima raggiunge il tetto di 500 punti, vince la partita.

In figura le combinazioni di Mariannino e Mariannone.

Terminologia:

L'Asso e il Tre sono denominati in questo gioco "carichi".
Re, Donna e Fante sono ovviamente le "figure".
Le altre invece sono denominate "lisci" o "scartine" perchè non forniscono punti.

Numero di giocatori:

Come nel giuoco della Briscola, si può giocare in due, in tre, o in quattro giocatori.
Valgono le stesse considerazioni, percui con tre giocatori è necessario rimuovere un Due dal mazzo, e in quattro giocatori si gioca a squadre a X.

Commenti   

0 # dino 2013-02-16 23:00
briscola a 500
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+2 # Ale 2013-05-21 10:47
Si possono dichiarare più mariannini in una singola manche
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Fabio 2013-05-21 12:23
Citazione Ale:
Si possono dichiarare più mariannini in una singola manche


Ciao Ale, dipende cosa intendi per manche.

Se dichiari un mariannino significa che hai tutti i cavalli quindi fino alla prossima volta che viene fatto il mazzo non ve ne possono essere altri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Ale 2013-05-21 12:27
Si dichiara un mariannino (4cavalli+1re)... Giocando il re si resta con i 4 cavalli. Che succede se ripescando una carta dal mazzo esce ancora re? Per logica (mia) dovrebbe essere un altro mariannino. O no?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Fabio 2013-05-21 12:53
Citazione Ale:
Si dichiara un mariannino (4cavalli+1re)... Giocando il re si resta con i 4 cavalli. Che succede se ripescando una carta dal mazzo esce ancora re? Per logica (mia) dovrebbe essere un altro mariannino. O no?


Ottima domanda, data la rarità del caso non mi è mai capitato e di conseguenza non ci ho mai pensato.

Direi in questo caso che puoi dichiarare mariannino per la seconda volta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # maurizio 2013-06-18 16:38
dal momento che si dichiara un mariannino si può subito fare segno e parlare con il compagno che si gioca?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Fabio C 2013-07-03 11:50
Citazione maurizio:
dal momento che si dichiara un mariannino si può subito fare segno e parlare con il compagno che si gioca?


Boh, dipende da come giocate, non credo ci sia una regola fissa per questo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # RIKI 2013-10-11 18:22
SONO IL PIU FORTEEEEEE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # marco 2014-04-14 18:04
voglio giocare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # roby 2015-05-14 12:21
bella recensione, chiara ed utile per l'approccio a questo gioco affascinante
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giacomo 2015-07-14 22:04
Salve una curiosità se il mio avversario nella giocata chiede al compagno hai briscola e lui risponde no e al suo turno getta sul tavolo la briscola in questo caso si chiede la partita a tavolino? Perché secondo me questo è barare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Fabio 2015-07-23 09:41
Citazione Giacomo:
Salve una curiosità se il mio avversario nella giocata chiede al compagno hai briscola e lui risponde no e al suo turno getta sul tavolo la briscola in questo caso si chiede la partita a tavolino? Perché secondo me questo è barare


Salve Giacomo, in teoria non si dovrebbe parlare a questo gioco.
Detto questo ritengo comunque che debba considerarsi barare, dal momento che i giocatori non sono tenuti a mostrare le carte o rispondere al seme.
Ad eccezione naturamente di quando si dichiara una marianna, in questo caso va mostrata.

Saluti, Fabio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Pippo 2018-08-09 21:58
Normalmente non si dovrebbe parlare ma c'è la variante che quando si chiama la briscola puoi parlare comunque non è barare perché il tuo avversario non è tenuto a dire le carte che ha in mano apertamente quindi può anche mentire e ingannare, ripeto nella versione classica non si parla e nemmeno si fanno segnali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Salvo 2018-07-29 13:00
Complimenti per la spiegazione. Se non le reca fastidio volevo chiedere: gioco per primo e tiro un asso di mazze l'ultimo dichiara un re e cavallo di coppe e mi dice che da quel momento la briscola é a coppe. É giusto o bisognava dichiarare il re e il cavallo prima che qualcuno tirasse. Grazie. Buona serata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-1 # Super User 2018-07-30 07:33
Citazione Salvo:
Complimenti per la spiegazione. Se non le reca fastidio volevo chiedere: gioco per primo e tiro un asso di mazze l'ultimo dichiara un re e cavallo di coppe e mi dice che da quel momento la briscola é a coppe. É giusto o bisognava dichiarare il re e il cavallo prima che qualcuno tirasse. Grazie. Buona serata.


Buongiorno Salvo, credo che un giocatore debba dichiarare la cavallo+re, all'inizio del turno, e non durante la giocata.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Pippo 2018-08-09 21:52
Sbagliato la briscola si dichiara quando è il tuo turno, se si fa come dici tu c'è la possibilità che 2 chiamano la briscola nello stesso momento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna