Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mazzo: 40 carte - Giocatori: solitario -

Come si gioca in solitario a Scopa?

Si! Lo so benissimo che sembra una scempiaggine, lo so che benissimo è sufficiente il nome a far storcere il naso ai miei venticinque lettori (tanto per parafrasare il Manzoni, ihihihihi ), ma questo gioco è frutto di una "visione" che ho avuto d'estate durante le vacanze in montagna.
Data la mia passione per il gioco della Scopa stavo pensando a come potesse essere un solitario che ne trasmetta le stesse emozioni. Naturalmente è impossibile che un solitario diverta quanto un gioco da più partecipanti, tuttavia è nato questo insolito esperimento.

Le carte:

Per giocare alla Scopa Solitario è necessario un mazzo di 40 carte, qualsiasi di quelli regionali italiani è adatto, ma può andare bene anche un mazzo di 52 carte francesi da cui vengano preventivamente rimossi gli Otto, i Nove e i Dieci.

Scopo del gioco:

Fare più punti di un ipotetico antagonista, mediante le prese.

Distribuzione delle carte:

Si mischia bene il mazzo e si ribaltano sul tavolo, a volto scoperto, 5 carte. Le carte rimanenti costituiscono il tallone.

Svolgimento del gioco:

Di queste 5 carte sul tavolo il giocatore ne può prendere due o più (aventi lo stesso valore) secondo le regole della Scopa.

Esattamente come a scopa, dove se un giocatore cala una carta e sul tavolo ce n'è una del medesimo valore egli le prende entrambe, in questo solitario il giocatore prende due carte dello stesso valore e le ripone nel proprio pozzo.

In figura un esempio: il giocatore può prendere le due carte da Cinque oppure il Fante con un Cinque ed un Tre.

Dopo aver effettuato la presa, il giocatore deve ribaltare tante carte quante ne servano da avere sempre 5 carte scoperte sul banco, e ne deve riporre altrettante, coperte, in un mazzetto che appartiene all'avversario inesistente.

E.g.: Ho preso 3 carte, ovvero un Sette con un Sei ed un Asso. Ora devo Mettere 3 carte sul banco così che ce ne siano 5, e 3 carte nel mazzo dell'avversario.

Fine della smazzata:

La smazzata può finire in due modi:

  1. Delle 5 carte sul tavolo, il giocatore non ne può prendere alcuna, in quanto non si possono accoppiare tra di loro (E.g.: Cinque + Sei + Sette + Fante + Re). In questo caso tutte le carte sul banco e tutto il tallone non ancora distribuito finiscono nel mazzo dell'avversario.
  2. È stato distribuito tutto il tallone. Le poche carte rimaste sul banco vanno al giocatore.

Conteggio dei punti:

Alla conclusione della smazzata si ha una situazione in cui il giocatore ha un mazzetto di carte, e l'avversario immaginario ha l'altro.
Bisogna contare i punti esattamente come a scopa, quindi valgono il punto di Denari, di Primiera, il Settebello, la Lunga (chi ha più carte), e il Re-bello (secondo le infinite varianti della scopa stessa).

Rimando alle norme della Scopa per la descrizione dettagliata dei punteggi.

Il giocatore può decidere a suo piacere se giocare smazzata per smazzata oppure segnare i punti per arrivare a 11 o a 21 o via dicendo.

Casi particolari:

Può capitare che, dopo una presa, non vi siano abbastanza carte da distribuire. È il caso in cui, il giocatore prende 3 carte ma nel tallone ne rimangono solo 4. In questo caso prima va riportato a 5 il numero di carte sul banco, e solo la rimanente parte va assegnata al mazzo dell'avversario.

Commenti   

+2 # Sofia 2013-09-06 19:41
Grazie mille,molto semplice e anche molto bello!!!!!!!!!!
BACI!!!!!!!!!!!!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna